Dentista fai da te? Ahi! Ahi! Ahi!

La passione del fai da te è molto diffusa e io stesso ne sono vittima, tanto da cimentarmi spesso in riparazioni di vario genere, salvo poi, come tanti, rimanere con un lavello mezzo smontato tra le mani e dover fare ricorso ad un professionista  per venirne fuori. Un tacito accordo tra maschi prevede che la storiella di un cugino immaginario che a tutti i costi si è voluto cimentare nella riparazione incompiuta non venga contestata pubblicamente dal riparatore. Quando quindi ho visto questo video, che nell’ambiente odontoiatrico è diventato virale e ha suscitato accesi e sdegnati dibattiti, ho provato sensazioni contrastanti.

 

 

Naturalmente ho provato un brivido lungo la schiena pensando ai danni che una seppur amorevole madre potrebbe provocare nella bocca di un bambino con un trapano del genere,  impugnato per giunta come un ferro da stiro. Per un attimo ho anche temuto di trovare presto il video di lancio del kit fai da te da appendicectomia.  Ho provato però anche una strana sensazione di solidarietà nei confronti di chi si lancerebbe senza nessuna competenza in una attività tanto delicata e dalle possibili gravi conseguenze. Naturalmente nella mia vita professionale mi è capitato di vedere intraprendere spesso iniziative alquanto discutibili da parte dei pazienti: dal tentativo di incollare con l’Attack  denti alle dentiere,  all’utilizzo di tamponi a base di grappa per il mal di denti, passando dall’incollaggio di un ponte che si era decementato con  resina bicomponente presa in ferramenta.

Ma questo è veramente troppo

Sul sito dedicato al prodotto ci sono tutte le informazioni del caso, oltre alla possibilità di ordinare in anteprima  a soli 199,00 euro il  fantastico kit. Unica magra consolazione per noi  dentisti italiani, secondo quanto sostenuto dal sito, è che   il prodotto sarà disponibile solo per USA e Olanda.
Dopo poche ore e accesi dibattiti in rete soprattutto in USA, la notizia si è rivelata essere per fortuna una bufala, come dichiarato sulla stessa  pagina Facebook dedicata al prodotto. Una ottima idea pubblicitaria, visti i risultati, per lanciare un polizza assicurativa dedicata alle cure dentistiche.
Anche se qualche collega era già pronto  a gestire la mole di lavoro relativo ai danni che uno strumento del genere di sicuro provocherebbe in mani inesperte, tutti gli altri possono dormire tranquilli non dovendo lottare anche contro il fai da te, oltre che contro abusivismo, turismo odontoiatrico e catene low cost. Ma possono dormire tranquilli anche i  bambini: sempre meglio essere inseguiti da una mamma armata di pantofola o cucchiaio di legno rispetto ad una armata di trapano da dentista.

2 Commenti

  1. eFFe says:

    Nel 2013 inseguire un figlio con pantofola o cucchiaio di legno è penalmente rilevante e socialmente biasimevole. Oh tempora, oh mores… 😉

  2. admin says:

    Dici?! se è così ti prego di ricordarmelo quando avrò un figlio

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2013-2017